Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito utilizza cookie di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Nel marzo del 2006 è stata rinvenuta una piccola necropoli, risalente al IV-III sec. a.C. ca. La scoperta è avvenuta in seguito allo spostamento di una condotta idrica durante i lavori relativi all'ampliamento del Cimitero. Posta su un declivio prospiciente la riva sinistra del canale "Corte Simone", è costituita da 13 fosse rettangolari orientate S-N e ricoperte da due lastroni di pietra tufacea a doppio spiovente con dente d'incastro, due sono rivestite ai lati ed in testa con lastroni di pietra. All'interno delle fosse, le deposizioni presentavano reperti riconducibili alla cremazione verosimilmente praticata on periodi differenti dalla tumulazione. Il corredo funebre risalente in età magnogreca, è costituito da tre vasi ceramici, uno figure rosse di pregevole fattura, orecchini in bronzo, due anelli di cui uno d'argento e l'altro di ferro. Gli scavi hanno portato alla luce otto tombe di adulti e due feti, attualmente conservati nel Museo archeologico di Taranto.